venerdì 25 settembre 2020

.Da HANNAH ARENDT, La banalità del male (Milano, Feltrinelli 1964).Eichmann in Jerusalem: A Report on the Banality of Evil



È anzi mia opinione che il male non possa mai essere radicale, ma solo estremo; e che non possegga né una profondità, né una dimensione demoniaca. Può ricoprire il mondo intero e devastarlo, precisamente perché si diffonde come un fungo sulla sua superficie.

È una sfida al pensiero, come ho scritto, perché il pensiero vuole andare in fondo, tenta di andare alle radici delle cose, e nel momento che s'interessa al male viene frustrato, perché non c'è nulla. Questa è la banalità. Solo il Bene ha profondità, e può essere radicale.


Nessun commento:

Posta un commento