giovedì 30 gennaio 2020

Homélie du 6 août 1961 - Transfiguration -EGLISE CATHOLIQUE ORTHODOXE DE FRANCE -JEAN, Evêque de Saint-Denis




Au centre de la Transfiguration, se trouve la manifestation de la Divine Trinité : le Fils, la voix du Père, la nuée qui les couvre et qui porte le Père et le Fils et qui est portée par eux  : le Saint-Esprit ; tous trois sont dans la lumière insaisissable, incréée, dont les Écritures disent : « Dieu vit dans la lumière inaccessible. »

Cependant ce n’est pas de la Lumière, de la Divine Trinité (des Trois égaux en Un) dont je veux parler aujourd’hui, mais d’une autre triade, composée de trois inégaux et qui sont coexistants dans une certaine mesure.

Déjà l’apôtre Paul dit : « Que le corps et l’âme et l’esprit soient sanctifiés. » Paul distingue une échelle de trois : le corps, l’âme et l’esprit.

L’Évangile nous présente une autre triade autour du Christ : Moïse qui vient de l’enfer, du séjour des morts ; Elie, qui vient du paradis ; les apôtres, qui sont sur terre.

Les trois mondes sont représentés, car la lumière de la gloire divine a éclaté.

Mais je veux insister aujourd’hui sur une triade qui concerne directement l’existence de l’Église.

Le Christ prie ; son visage devient plus brillant que le soleil, ses habits plus éclatants que la neige, et il s’entretient avec Moïse et Elie. Tout est spirituel, transfiguré. (Le fait que les apôtres s’endorment rappelle que le Christ priait la nuit et que la Transfiguration eut lieu de nuit. En effet, le Christ se retirait chaque soir à six heures pour prier.) Voilà la première couche : l’Église priante, illuminée, qui veille.

Deuxième couche : celle des apôtres Pierre, Jacques et Jean, qui sont assoupis. À un moment donné, à cause de la lumière, ils s’éveillent et voient la Gloire : la couche supérieure de l’Église pénètre et se dévoile à eux. Pierre a une réaction matérielle : il veut construire des tentes, « fixer » la gloire divine par une constitution, une organisation, dans un lieu, par une théologie scolastique. Les trois sont éblouis, même si Pierre n’est pas à la hauteur de cette manifestation. Ils ont la révélation de la Trinité et l’Évangile dit qu’ils gardent le silence sur ce qu’ils avaient vu.

Ces deux couches se situent en haut du Thabor.

Puis le Christ revient dans la plaine. Il y trouve les neuf autres apôtres, ses disciples, la foule. On leur a amené un possédé mais les apôtres ne peuvent chasser le démon. Devant leur incapacité, le Christ est déçu et prononce des paroles amères : « Ô race incrédule et perverse, jusques à quand devrai-Je vous supporter ? » (Lc 9, 41) Voilà la troisième couche.

Ces trois couches sont toujours présentes dans l’Église historique. Le haut lieu spirituel où dans la lumière inaccessible le Christ converse avec Moïse, Élie, la multitude des saints dont vous entendez les noms pendant la liturgie, et tous les peuples, toutes les nations qui vivent dans la lumière du Christ, veillant avec lui ; lieu de la vigilance et de la prière, des symphonies inconnues, des êtres illuminés, des intimes de Dieu à qui la Trinité se manifeste — de cette Église on parle peu.

Le lieu où ceux qui sont haut montés ne vivent pas encore dans la lumière : ils n’ont pas encore la force de la vigilance, leurs impulsions sont encore humaines, mais ils sont admis à être les témoins, ils ont la révélation de la lumière.

La plaine, lieu de l’incrédulité, de l’absence de vie spirituelle.

En considérant cette dernière couche, l’on est surpris et l’on se dit : Seigneur, est-ce possible ? Est-ce là Ton œuvre ? Sont-ils chrétiens ? Quel manque de foi, d’élévation, quelle platitude, quelle impuissance dans le monde, quelle faiblesse devant le Malin qui veut posséder l’humanité !

Mes amis, si vous voyez l’Église dans le plan de la plaine, avec ses évêques, ses prêtres, ses fidèles qui n’ont pas la foi ardente et encore moins la lumière, qui ne peuvent rien contre le mal, n’oubliez pas que cet aspect-là, c’est la matière de l’Église.

L’autre aspect, celui de l’âme, est celui des trois apôtres, endormis mais en contact avec la Divine Trinité. Mais ne vous arrêtez pas là !

Pierre, Jean et Jacques sont ceux qui peuvent vous montrer la troisième couche, celle de l’esprit, l’Église où Dieu-Trinité parle avec les saints.

Le Thabor lumineux, la montagne, le Fils de l’homme ; l’incrédulité, la plaine, le possédé... Et si vous êtes troublés par celui-ci, rappelez-vous, il est lui aussi l’œuvre de Dieu, il est en Christ.

Jusqu’à la fin des temps, il y aura toujours dans l’Église le mont Thabor dans la lumière divine et, en bas, dans la plaine, les possédés. Quand viendra l’accomplissement des temps, tous, même ceux qui sont dans l’enfer, les possédés, monteront afin d’être dans la lumière du Christ et ils converseront avec la Divine Trinité, en cet entretien éternel, amical, des intimes de Dieu inaccessible.

À lui soit la gloire, Père, Fils et Saint-Esprit, aux siècles des siècles. Amen.

+JEAN, Evêque de Saint-Denis




martedì 28 gennaio 2020

I ragazzi della Rosa Bianca



Monumento all'Università Ludwig Maximilian di Monaco, dedicato al gruppo della Rosa Bianca.

Ringraziando Elisabetta Cipriani per aver pubblicato su Facebook


Il primo volantino della Rosa Bianca:


"Non c’è nulla di più indegno per una nazione civilizzata che lasciarsi “governare”
senza alcuna opposizione da una cricca di irresponsabili dominati dai propri istinti.
Certamente ogni onesto tedesco oggi si vergogna del suo governo.
Chi tra di noi riesce a concepire le dimensioni dell’infamia che un giorno cadrà su di
noi e sui nostri figli quando dai nostri occhi cadrà il velo e il più orribile dei crimini -
crimini che infinitamente hanno superato ogni umana misura - sarà dinanzi a tutti alla
luce del sole?
Se il popolo tedesco è già così corrotto e così spiritualmente distrutto da non saper
alzare una mano, se avventatamente si trova immerso nella fede sconsiderata che
nutre verso la storia come ordine legittimante, se ha rinunciato alla propria libera
volontà che è principio supremo dell’uomo e che lo eleva al disopra delle altre
creature di Dio, se ha abbandonato la volontà di compiere l’azione decisiva e di girare
la ruota della storia assoggettandola alla propria razionale volontà, se ha rinunciato
alla propria individualità e ha percorso la strada che lo conduce ad essere ormai una
massa vile e priva di spirito, allora sì il popolo tedesco merita la propria rovina.
Goethe parla dei tedeschi come di un popolo tragico, come gli ebrei ed i greci, ma
oggi questo sembra piuttosto un popolo privo di spina dorsale, gregge ubbidiente di
parassiti, che ora succhiato sino al midollo, privato del suo centro di stabilità sta
attendendo di essere condotto alla sua distruzione. Così sembra ma così non è.
Attraverso un graduale, ingannatore e sistematico abuso il sistema ha rinchiuso ogni
uomo in una prigione spirituale. Soltanto ora ha scoperto di essere stato ridotto in
catene ed è diventato cosciente del suo destino. Soltanto pochi hanno riconosciuto
l’incombente minaccia della rovina ed il premio per il loro eroico allarme è stata la
morte. Avremmo molto da dire sul destino di queste persone.
Se ognuno aspetterà che sia l’altro uomo ad iniziare la lotta i messaggeri della
Nemesi vendicatrice si avvicineranno e allora l’ultima vittima sarà stata gettata
inutilmente nelle fauci del demone insaziabile. Per questo ogni singolo individuo
cosciente della propria responsabilità come membro della civiltà cristiana e
occidentale, deve difendersi con tutte le sue forze sino all’ultimo, deve lottare contro
il flagello dell’umanità, contro il fascismo e contro ogni simile sistema totalitario.
Resistete, opponete la resistenza passiva ovunque voi siate, impedite il
funzionamento di questa ateistica macchina da guerra prima che sia troppo tardi,
prima che le altre città come Colonia siano ridotte ad un cumulo di macerie, prima
l’ultimo giovane della nazione versi il proprio sangue su qualche campo di battaglia
per l’orgoglio folle di un subumano.

Non dimenticate che ciascun popolo merita il regime che accetta di sopportare".


Ringrazio anche Marco Ninci che su Facebook ha ricordato all'interno di una sua considerazione 

".....il termine “pulizia” (“Säuberung”) fu quello usato dai partecipanti alla conferenza del Wannsee il 20 gennaio 1942, dove si decise la “soluzione finale” del problema ebraico, lo sterminio di tutti gli ebrei. Vi parteciparono autentici criminali, come l’ufficiale delle SS Adolf Eichmann, il “Reichsprotektor” di Boemia e Moravia Reinhard Heydrich, il giudice Roland Freisler, che fra gli altri condannò a morte anche i ragazzi della “Rosa Bianca”.


http://apav.it/mat/tempolibero/cinemaematematica/guerrasocieta/allegatolastoriadellarosabianca.pdf

https://www.focus.it/site_stored/old_fileflash/file/Rosa_bianca_Storia.pdf

lunedì 27 gennaio 2020

con il Grazie a Stefano Grandesso-Konstantinos Kavafis: 'Aspettando i barbari'


Konstantinos Kavafis: 'Aspettando i barbari'


Che aspettiamo tutti riuniti qui, nell’agorà?

      Devono arrivare i barbari oggi.


- Perché tanta inerzia nel Senato?
  Quando si decidono i Senatori a legiferare?

      Perché arrivano i barbari oggi.
      Che leggi vuoi che facciano i Senatori?
      Verranno i barbari a legiferare.


- Perché l’Imperatore si è alzato tanto presto,
  e sta in trono, solenne, con la corona in testa,
  alla porta maggiore della città?

       Perché arrivano i barbari oggi.
       E l’Imperatore si appresta a ricevere
       il loro capo. Anzi ha preparato
       una pergamena da offrirgli
       con titoli e molti nomi.


- Perché i nostri due consoli e i pretori sono usciti
  oggi con la toga rossa ricamata?
  perché portano bracciali pieni di ametiste
  e anelli con splendidi smeraldi luccicanti?
  perché mai prendere oggi preziosi scettri
  finemente cesellati d’oro e d’argento?

       Perché arrivano i barbari oggi;
       e queste cose sui barbari fanno effetto.


- Perché i nostri bravi oratori non sono qui,
  come sempre, a tenere discorsi e a dir la loro?

      Perché arrivano i barbari oggi;
      loro si stufano di tanta eloquenza e parole.

- Perché all’improvviso sono tutti così nervosi
  e inquieti. (I volti come si sono fatti seri).
  Perché tanto in fretta si svuotano le strade e le piazze
  e tornano tutti a casa pensierosi?

      Perché si è fatta notte e i barbari non sono più venuti.
      E qualcuno è arrivato dai confini
      e ha detto che di barbari non ce ne sono più.


E ora che fine faremo senza barbari.
Dopotutto, quei barbari erano una soluzione.

1904

(Περιμένοντας τους Bαρβάρους, da Poesie d’amore e della memoria, Newton, 2006 – Traduzione di Paola Maria Minucci)

La preghiera con le icone e per le icone del fratello carissimo il maestro Ivan Polverari- Santa Galla

L'immagine può contenere: 1 persona, il seguente testo "SCA GALLA"




Santa Galla di Roma Vedova



Martirologio Romano: A Roma, santa Galla, che, figlia del console Simmaco, alla morte del marito attese per molti anni presso la chiesa di San Pietro alla preghiera, alle elemosine, ai digiuni e ad altre opere sante; il suo beato transito è stato narrato dal papa san Gregorio Magno.


(per il sito citato la festa della Santa è fissata al 6 Aprile)

(per il sito ortodosso francofono che io utilizzo è fissata al 5 Ottobre e tale data viene confermata dall'Enciclopedia Treccani  nell'antica tradizione santa del Martirologio Romano  "5 ottobre - A Roma santa Galla Vedova, figlia del Console Simmaco, la quale, dopo la morte di suo marito, presso la chiesa del beato Pietro attese per molti anni all'orazione, alle elemosine, ai digiuni e ad altre opere sante. Il suo felicissimo transito fu descritto da san Gregorio Papa."




sabato 25 gennaio 2020

Avvisi Parrocchiali 26 Gennaio Domenica del Vangelo di Zaccheo-Duminica a 32-a după Rusalii (a lui Zaheu)



Parrocchia di San  Caralampo  ieromartire Diocesi Ortodossa Romena in Italia Via Mura di San Vito a Palermo dietro il Teatro Massimo dopo la Caserma dei Carabinieri   ore 8,30 Celebrazione del Mattutino e dalle ore 10 Celebrazione della Divina Liturgia  (la Chiesa è conosciuta dai palermitani come Oratorio di San Vito )




Lettura Apostolica  


Dalla Prima lettera di Paolo Apostolo a Timoteo   capitolo 4 dal versetto 9 al versetto 15


Lettura del Vangelo

dal Vangelo secondo Luca  capitolo 19 versetti 1-10 

- date? location? Anyone? Zaccheo


sabato 18 gennaio 2020

Domenica 20 Gennaio 2019 Avvisi Parrocchiali Duminica a 29-a după Rusalii (a celor 10 leproși)-XII del Vangelo di Luca episodio dei 10 lebbrosi



Parrocchia di San  Caralampo  ieromartire Diocesi Ortodossa Romena in Italia Via Mura di San Vito a Palermo dietro il Teatro Massimo dopo la Caserma dei Carabinieri   ore 8,30 Celebrazione del Mattutino e dalle ore 10 Celebrazione della Divina Liturgia  (la Chiesa è conosciuta dai palermitani come Oratorio di San Vito )




Lettura Apostolica  

Apostolo 29 domenica dopo Pentecoste (Col. 3,4-11)



Vangelo- XII domenica di Luca (Lc 17, 12-19)

Tropario Modo pl.II-(tono  sesto) 

Le potenze angeliche * erano vicino al tuo sepolcro * ed i custodi * divennero come morti * e stava Maria alla tomba * cercando il tuo corpo immacolato: * Hai spogliato l’ade, * senza esserne tentato, * sei andato incontro alla Vergine, * donando la vita. * O risorto dai morti, * Signore, gloria a Te

Aurorale al Vangelo del Mattuino   Nono 

Vindecarea celor 10 leproși
6 din 8

Per i fratelli e le sorelle che in Cristo Dio celebrano domani 19 gennaio la Grande Festa delle Luci delle Sante Teofanie del Signore nel venerando calendario giuliano costantiniano

Le baptême du Christ - église de Saint-Michel du Var, par Vadim Garine.


Le baptême du Christ - église de Saint-Michel du Var, par Vadim Garine.

NOUS VOUS SOUHAITONS UNE SAINTE ET BELLE FÊTE DE LA THÉOPHANIE !

venerdì 17 gennaio 2020

Dal mio Archivio 2012 Santo Ilario di Poitiers e Cesare Pavese



L'immagine può contenere: 1 persona, sta praticando uno sport

Siniša Mihajlović


...l’urlo estremo del nostro Padre tra i Santi Ilario di Poitiers  che nel pieno della controversia iconoclasta  così urla al cristianissimo Imperatore Costanzo

"Noi non abbiamo più un imperatore anticristiano che ci perseguita, ma dobbiamo lottare contro un persecutore ancora più insidioso, un nemico che lusinga; non ci flagella la schiena ma ci accarezza il ventre; non ci confisca i beni (dandoci così la vita), ma ci arricchisce per darci la morte; non ci spinge verso la libertà mettendoci in carcere, ma verso la schiavitù invitandoci e onorandoci nel palazzo; non ci colpisce il corpo, ma prende possesso del cuore; non ci taglia la testa con la spada, ma ci uccide l'anima con il denaro".

E nella nostra contemporaneità  ci regaliamo  l’urlo di Cesare Pavese   soprattutto verso chi  tra di noi-a partire  da me- spesso si ammanta di etica. .di grandi disegni  valoriali.. giudica e manda tutti e tutto 

“....Consolante pensiero: non contano le azioni che facciamo, ma l’animo con cui le facciamo. Cioè: soffrano pure gli altri, tanto non c’è altro al mondo che sofferenza: il problema è solo come portare una coscienza pura. E ciò sarebbe la morale. Idiota e lurido Kant – se Dio non c’è tutto è permesso. Basta con la morale. Solo la carità è rispettabile. Cristo e Dostojevskij, tutto il resto sono balle” (Il Mestiere di vivere, 25/1/1938).

giovedì 16 gennaio 2020

La preghiera con le icone e per le icone del fratello carissimo il maestro Ivan Polverari- il Santo Tabor e la Luce della Santa Trasfigurazione



Tropaire de la Transfiguration
Ti sei trasfigurato sul monte, o Cristo Dio, mostrando ai tuoi discepoli la tua gloria, per quanto era a loro possibile. Fa’ risplendere anche su di noi peccatori, la tua luce eterna, per le preghiere della Madre di Dio; o Datore di luce, gloria a te!


Schimbatu-Te-ai la Faţă în munte, Hristoase Dumnezeule, arătând ucenicilor Tăi Slava Ta, pe cât li se putea. Strălucească şi nouă, păcătoşilor, lumina Ta cea pururea fiitoare, pentru rugăciunile Născătoarei de Dumnezeu, Dătătorule de lumină, slavă Ţie


Μετεμορφώθης ἐν τῷ ὄρει Χριστὲ ὁ Θεός, δείξας τοῖς Μαθηταῖ
ς σου τὴν δόξαν σου, καθὼς ἠδυναντο. Λάμψον καὶ ἡμῖν τοῖς ἁμαρτωλοῖς, τὸ φῶς σου τὸ ἀΐδιον, πρεσβείαις τῆς Θεοτόκου, φωτοδότα δόξα σοι.


Ô Christ Dieu, Tu t’es transfiguré sur la montagne! Tu as montré à Tes disciples Ta gloire autant qu’ils pouvaient la supporter. Que Ta Lumière éternelle resplendisse aussi pour nous, pécheurs. Par les prières de Ta Mère, ô Donateur de lumière, gloire à Toi ! 



Kondakion de la Transfiguration en ton 7
Ti sei trasfigurato sul monte e i tuoi discepoli contemplarono come poterono la tua gloria, o Cristo Dio, affinché quando ti vedessero crocifisso potessero credere alla tua passione volontaria e poi predicare al mondo che tu sei veramente lo splendore del Padre.


În munte Te-ai schimbat la Faţă şi pe cât au putut ucenicii Tăi au văzut Slava Ta, Hristoase Dumnezeule, pentru ca, atunci când Te vor vedea Răstignit, să înţeleagă patima Ta cea de bunăvoie şi să propovăduiască lumii că Tu eşti cu adevărat Raza Tatălui.

πὶ τοῦ ὄρους μετεμορφώθης, καὶ ὡς ἐχώρουν οἱ Μαθηταί σου τὴν δόξαν σου, Χριστὲ ὁ Θεὸς ἐθεάσαντο, ἵνα ὅταν σε ἴδωσι σταυρούμενον, τὸ μὲν πάθος νοήσωσιν ἑκούσιον, τῷ δὲ κόσμῳ κηρύξωσιν, ὅτι σὺ ὑπάρχεις ἀληθῶς, τοῦ Πατρὸς τὸ ἀπαύγασμα.

Sur la montagne Tu t’es transfiguré, et selon leur mesure Tes disciples contemplèrent Ta gloire, ô Christ Dieu ; afin qu’en Te voyant crucifié, ils voient que Ta Passion était consentie, et proclament au monde que Tu es en vérité le resplendissement du Père

HYMNE DE LOUANGE – LA TRANSFIGURATION DE NOTRE SEIGNEUR
Là, où Israël avait vaincu Sisar,
Là aussi descendit le Roi des Cieux
Afin d'y prier et d'y veiller la nuit,
Et d'y manifester la gloire de Sa Transfiguration,
Et de renforcer la Foi de Ses disciples
Dans la victoire éternelle qu'Il obtiendra, Lui le Victorieux.
C'est là qu'Il rayonna de la Lumière divine,
Dispersant les puissantes ténèbres, et illuminant le Thabor;
La Lumière, qu'Il contenait en Lui depuis longtemps
Dont Il avait parcimonieusement donné à voir au monde,
A présent, Il en répandait d'abondants rayons,
Des rayons jubilants, des rayons si doux.
L'éclat de l'humanité, afin de révéler aux cieux,
A la terre et aux hommes, la Divine Vérité.
Que le firmament voie son Maître,
Que la terre reconnaisse Dieu, le Sauveur.




sabato 11 gennaio 2020

Avvisi Parrocchiali Domenica 12 Gennaio 2020 Duminica după Botezul Domnului (Începutul propovăduirii Domnului)Domenica dopo le Luci delle Teofanie del Signore




Parrocchia di San  Caralampo  ieromartire Diocesi Ortodossa Romena in Italia Via Mura di San Vito a Palermo dietro il Teatro Massimo dopo la Caserma dei Carabinieri   ore 8,30 Celebrazione del Mattutino e dalle ore 10 Celebrazione della Divina Liturgia  (la Chiesa è conosciuta dai palermitani come Oratorio di San Vito )


Ap. Efeseni 4, 7-13Ev. Matei 4, 12-17glas 5, voscr. 8

Lettura Apostolica  

Efesini 4,7-13 - 


Vangelo di Matteo  4,12-17     

Tono dei Tropari   tono quinto
Aurorale al Vangelo del Marrutino   0ttavo 


mercoledì 8 gennaio 2020

Il sermone del beato padre Patriarca Daniele alla festa del Battesimo del Signore


Clicca qui per leggere il sermone del beato padre Patriarca Daniele alla festa del Battesimo del Signore in lingua romena.





'A quel tempo Gesù venne dalla Galilea al Giordano, a Giovanni, per essere battezzato da lui. Ma Giovanni lo fermò, dicendo: Ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me? E Gesù, rispondendo, gli disse: Soffrite ora, che è giusto per noi fare tutta la giustizia. Poi l'ha lasciato. E dopo che Gesù fu battezzato, mentre usciva dall'acqua, immediatamente i cieli si aprirono e Giovanni vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di Lui. Ed ecco, una voce dal cielo disse: Questo è il mio diletto Figlio, in cui ho benedetto '. (Matteo 3: 13-17)

La festa del Battesimo del Signore, chiamata anche Epifania o Teofania, è una delle più grandi feste del cristianesimo. Ha un significato speciale per la vita cristiana, perché nessuno può diventare cristiano senza il battesimo.

Il mistero del Santo Battesimo è la porta di accesso alla Chiesa e al regno dei cieli. Lo sappiamo dalla conversazione del Salvatore Gesù Cristo con uno degli insegnanti della vecchia Legge, vale a dire Nicodemo, che era un uomo saggio e spirituale. Gesù gli dice che "se nessuno è nato dall'alto, non sarà in grado di vedere il regno di Dio" (Giovanni 3: 3). Alla domanda di Nicodemo: come può rinascere un vecchio? Il Salvatore risponde: "Se nessuno nasce dall'acqua e dallo Spirito, non sarà in grado di entrare nel regno dei cieli" (Gv 3, 5).

Pertanto, il mistero del Santo Battesimo è di nuovo il mistero della nascita, il mistero della nascita spirituale della persona. Per nascita biologica o corporale, l'uomo nasce per questa vita terrena e muore a causa del peccato ancestrale che è stato trasmesso a tutte le persone come predisposizione o inclinazione verso il peccato. Quindi chi è nato fisicamente da Adamo, come uomo, è nato per morire fisicamente, ma chi è nato spiritualmente a Cristo attraverso il Battesimo con l'acqua e lo Spirito Santo, è nato per vivere per sempre, secondo le parole del Salvatore: 'Colui che crede in Io, anche se muore, sarà vivo " (Giovanni 11:25). Pertanto, il Santo Apostolo Paolo ci dice: " Come in Adamo tutti muoiono, così anche in Cristo tutti saranno risuscitati "(I Corinzi 15:22).

Quindi, nel Sacramento del Santo Battesimo, viene preparato l'inizio della risurrezione del popolo, prima la risurrezione dell'anima dal peccato, per fede, una vita pulita e buone opere, e poi, alla Resurrezione comune, e la risurrezione del corpo dalla malvagità, per vivere per sempre nell'amore del Santissimo. Trinità. Pertanto, la misteriosa connessione tra il Battesimo nella Chiesa e l'inizio dell'ingresso dell'uomo nel Regno dei Cieli è il contenuto più profondo del Santo Battesimo. Nessuno può entrare nel Regno dei Cieli se non è nato dall'acqua e dallo Spirito nella Chiesa.

L'acqua è usata nel Battesimo per mostrare che, poiché è un elemento essenziale della vita del corpo, lo Spirito Santo è necessario per la vita spirituale dell'essere umano, sia per l'anima che per il corpo, poiché lo Spirito Santo dà all'uomo la grazia della carne , lo purifica da ogni contaminazione, lo conduce alla risurrezione e gli dà la vita eterna alla luce della Santissima Trinità.

Il battesimo del salvatore Gesù Cristo è una preparazione per il battesimo cristiano.

Cristo non aveva bisogno di essere battezzato da Giovanni, perché era senza peccato, ma poiché prese su di sé la condizione umana, cioè entrò nel mondo segnato dal peccato e dalla morte, battezzò per la salvezza degli uomini, per mostrare a tutti gli uomini che ha bisogno di pulizia e cambiamento. Questo cambiamento o rinnovamento significa che il vecchio del peccato di disobbedienza deve morire, per nascere l'uomo nuovo che vive eternamente in comunione di obbedienza e amore con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo.

Festa della Teofania, l'Epifania o Teofania, è la celebrazione della rivelazione della Santissima Trinità, perché nel Battesimo apparso improvvisamente opera del Padre, Figlio e Spirito Santo. Questo miracolo divino fu compiuto quando il Salvatore Gesù Cristo uscì in pubblico e fu battezzato nelle acque del Giordano all'età di 30 anni. Quindi, con la Persona di Dio, il Figlio è diventato Uomo d'amore per gli uomini, vengono rivelate le altre due Persone della Santissima Trinità. Lo Spirito Santo come una colomba scende sul Figlio di Dio diventa Uomo, non appena è uscito dalle acque del Giordano, e si sente la voce del Padre celeste che dice: "Questo è il Mio diletto Figlio, che ho amato".( Matteo 3:17). Per questo motivo, il trofeo del Battesimo del Signore enfatizza proprio la manifestazione della Santissima Trinità: 'In Giordania, ti è stato battezzato, Signore, l'adorazione (adorazione) della Trinità, che la voce del Padre ti ha confessato, Mio diletto Figlio, e Lo spirito, sotto forma di colomba, ha dimostrato il rafforzamento (forza) della parola. Colui che ti sei mostrato, Cristo nostro Dio, e il mondo ti ha illuminato, ti glorifica.

Dal battesimo del Signore ho appreso, in particolare, che il Figlio incarnato di Dio, Gesù Cristo, è uno della Santissima Trinità. Questo mistero era noto per la prima volta alla Madre del Signore, quando l'angelo le disse come sarebbe nato un bambino, sebbene non conoscesse un uomo, vale a dire: "Lo Spirito Santo scenderà su di te e il potere dell'Altissimo ti metterà in ombra; perciò il Santo che è nato da te sarà chiamato il Figlio di Dio '(Luca 1:35 ). Così vediamo che l'intera Santissima Trinità ha lavorato all'incarnazione o alla denominazione del Figlio, sebbene solo il Figlio sia diventato Uomo.

Tuttavia, al Battesimo del Signore Gesù Cristo in Giordania, ciò che solo la Madre del Signore sapeva fu rivelato pubblicamente, quando il Figlio che divenne Uomo è accompagnato e confermato dalla voce del Padre celeste: 'Questo è il Mio Figlio diletto in cui ho benedetto' (Matteo 3, 17) e dallo Spirito Santo che scende su di Lui sotto forma di colomba. Quindi, potremmo dire che la festa del Battesimo del Signore, l'Epifania o Teofania, è anche una celebrazione della rappresentazione della Santissima Trinità, poiché l'intera Trinità è stata mostrata al Battesimo del Signore in Giordania. Alla luce del Battesimo di Cristo, comprendiamo perché il battesimo cristiano è celebrato nel nome della Santissima Trinità, cioè nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Lo stesso Salvatore, alla fine del Vangelo di Matteo, prima di ascendere al cielo, comanda ai Suoi apostoli di camminare e di insegnare ai Gentili la fede in Gesù Cristo e di battezzarli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo ( cfr. Matteo 28, 19). Come la Santissima Trinità era presente al Battesimo del Salvatore di Cristo, così anche la Santissima Trinità è presente quando ogni uomo è battezzato per diventare cristiano. Quindi, attraverso il suo battesimo, il Salvatore Gesù Cristo preparò il battesimo cristiano. In questo senso, la Chiesa di Cristo è costituita a Pentecoste dall'Ascensione dello Spirito Santo sugli Apostoli e dal battesimo delle moltitudini nel nome della Santissima Trinità ( cfr At 2, 41 ). Per questo motivo la festa della Santissima Trinità è ora collegata nel calendario con la festa dell'Ascensione dello Spirito Santo o della Pentecoste (lunedì dopo la domenica di Pentecoste ), e all'inizio delle preghiere, la preghiera della Santissima Trinità segue la preghiera dell'Imperatore celeste. Quindi, lo Spirito Santo condivide l'amore della Santissima Trinità e rende la Chiesa piena della Santissima Trinità.

Quando il Salvatore Gesù Cristo fu battezzato in Giordania dal precursore e battezzatore Giovanni, San Giovanni sentì la sua santità e gli disse: "Devo essere battezzato da te e verrai da Me?" (Matteo 3:14), perché era nato naturalmente e portava in sé il peccato ancestrale, ma il Salvatore nacque senza peccato, cioè sopra i fili, dallo Spirito Santo e dalla Vergine Maria.

Il Salvatore risponde a Giovanni: "Lascia ora, che sia giusto per noi adempiere ogni giustizia" (Matteo 3:15). In altre parole, non è necessario che Gesù Cristo battezzi, perché è senza peccato, ma poiché assume liberamente il peccato del mondo, compie la giustizia, cioè la volontà di Dio Padre che suo Figlio possa essere il Salvatore mondo. È diventato il portatore della condizione umana, di una vita che si mescola alla morte, per dare alla gente mortale la sua vita senza morte eterna.

Quando il Salvatore viene battezzato, i cieli vengono aperti e lo Spirito Santo scende sulla sua umanità. Ciò significa che anche quando un uomo, un adulto o un bambino, viene battezzato nella Chiesa, i cieli vengono aperti e la grazia dello Spirito Santo introduce l'uomo nella vita della Santissima Trinità. Il sacerdote che compie il Battesimo mostra solo visivamente l'opera invisibile della Santissima Trinità, perché quando un uomo, adulto o bambino viene battezzato, Cristo Signore, l'eterno Arciere, lo battezza attraverso l'opera dello Spirito Santo e attraverso la benevolenza del Padre.

Le ultime parole del Vangelo di oggi sono la chiave del significato del Battesimo, vale a dire: "Questo è il Mio beneamato Figlio in cui sono stato gentile" (Matteo 3:17 ). In Dio il Figlio diventa Uomo, Dio Padre ama tutta l'umanità, quindi quando un uomo viene battezzato, la voce del Padre celeste dice segretamente: questo è il mio diletto figlio, poiché Dio Padre racchiude nel suo amore eterno per suo Figlio ogni uomo battezzato. , divenne cristiano, portando il nome di Cristo.

Quando un bambino viene battezzato, riceve la benedizione non solo di quel bambino, ma anche della famiglia e dell'intera Chiesa, perché il Battesimo non è solo un evento personale, ma anche una comunità, ecclesiale. Con ogni nuovo battesimo, l'amore eterno della Santissima Trinità viene mostrato ancora una volta per le persone che vogliono la gioia e la vita eterna della Santissima Trinità.

Per questo motivo, il battesimo è una fonte di grande gioia per la famiglia, per la parrocchia e per tutta la Chiesa, la corruzione.

I bambini che non sono battezzati, con il pretesto di non essere abbastanza maturi per comprendere il Mistero del Battesimo, sono privati ​​di una benedizione unica, quella della loro unione personale con la Santissima Trinità nella Santa Chiesa, e se capita di morire non sposati, non moriranno. Posso godere appieno della gioia della vita eterna, come affermano i Santi Padri.

La Chiesa ortodossa ritiene che non solo la vita matura dell'uomo, ma anche la sua infanzia e giovinezza, debbano essere santificate.

Quando il bambino viene battezzato, nello stesso giorno riceve il Mistero del Mistero, dicendo la formula: il sigillo del dono dello Spirito Santo. Quindi il bambino battezzato riceve molti doni spirituali per la coltivazione, e poi, andando in chiesa con sua madre, suo padre, sua nonna e altri bambini, cresce spiritualmente nell'amore di Dio e della Chiesa.

Allo stesso tempo, nello stesso giorno il bambino riceve il Battesimo e l' estinzione, di solito all'età di 6 settimane, riceve anche il Santissimo Sacramento dell'Eucaristia. Non è rinviato in seguito con il pretesto che il bambino non capisce all'età di 6 settimane. In effetti, anche in giovane età non capiamo come il pane e il vino si trasformano nel Corpo e nel Sangue del Signore, ma capiamo che nel Sacramento della Santa Eucaristia o Santa Comunione c'è il santo amore di Dio per noi, che ci dà la vita eterna.

Il fatto che la Chiesa battezzi i bambini, li sposi e li condivida nello stesso giorno dimostra che un bambino è una persona completamente umana. Come Dio il Bambino, che nacque nella grotta di Betlemme, era una Persona, quindi ogni bambino battezzato è una persona connessa con l'amore eterno con il Popolo della Santissima Trinità. Non fa parte di un uomo, ma è un uomo intero, è una persona e ha un valore unico ed eterno. Il bambino non è inizialmente un animale che poi diventa umano, ma dal momento del concepimento, il bambino è umano e attraverso il battesimo diventa una persona benedetta, con un nome e un volto diretti al nome e al volto del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, perché dopo l'immagine della Santissima Trinità, l'uomo fu creato quando Dio disse: "Fare l'uomo a nostra immagine e somiglianza" ( At 1, 26), usando il misterioso plurale di Dio Uno e Molteplici, cioè il Terzo Dio.

Quindi vediamo quanto è grande la dignità di essere cristiano. Quando un uomo viene battezzato, un essere biologico razionale diventa un essere teologico, ecclesiale, portante di Dio. Il bambino battezzato viene introdotto all'amore della Santissima Trinità. Riceve il nome di un santo, per dimostrare che in realtà la via del Battesimo è la via della santità della vita attraverso la grazia della Santissima Trinità.

Il battesimo, adulto o bambino, dal suo padrino, fanno un patto, che è un impegno per la vita, vale a dire promesse battesimali, domande e risposte (come i voti monastici) .A prima domanda: Rinunci a Satana? e tutte le sue opere? e tutti i suoi servi? e tutto il suo ministero? e tutte le sue cose? Risposta: rifiuto Satana. E poi alla domanda: ti unisci a Cristo? La risposta è: mi unisco a Cristo! E alla domanda: gli credi, la risposta è: io gli credo, come imperatore e Dio! Tutto ciò è promesso da colui che è battezzato o dal padrino al bambino, come l'inizio di una nuova vita in Cristo per grazia dello Spirito Santo.

Pertanto, l'intera vita della persona battezzata deve essere un'opera santa di rifiuto di Satana e delle sue opere, cioè del peccato, di tutta la malvagità e di un'unione con Cristo attraverso l'adempimento dei comandamenti divini. Nella misura in cui l'uomo rifiuta Satana e tutte le sue opere e si unisce a Cristo, allo stesso modo sente la gioia della grazia e dell'amore di Dio nella sua vita.

Pertanto, il vero cristiano è un uomo di amore sacrificale e di gioia santa anche quando è nei guai. In questo senso, il Santo Apostolo Paolo dice: 'Chi ci separerà dall'amore di Cristo? Il problema, o lo stretto, o la persecuzione, o la fame, la mancanza di vestiti, il pericolo o la spada? (...) Né la morte, né la vita, né gli angeli, né i domini, né i presenti, né ciò che sarà, né i poteri, né l'altezza, né la profondità, né qualsiasi altra creatura sarà in grado di separarci dal suo amore. Dio, quello in Cristo Gesù, nostro Signore ' (Romani 8:35, 38-39).

La festa del Battesimo del Signore - grande gioia per un popolo cristiano.

In questo giorno del Battesimo del Signore, noi rumeni ricordiamo con gioia che il nostro popolo fu battezzato o battezzato non al comando da cima a fondo, ma fu lentamente, profondamente e pacificamente cristiano per molti secoli. formata come un nuovo popolo nella storia dei Daci e dei romani. Quindi non abbiamo un appuntamento, un anno del nostro cristianesimo come popolo. C'è un misterioso legame d'amore tra Cristo e ogni popolo cristiano, ma specialmente tra Cristo e le persone che hanno sofferto così tanto per mantenere la loro identità cristiana durante le prove della storia. Questo è il motivo per cui, con gioia e speranza, pensiamo al fatto che sullo stemma del nostro paese vi sia l'aquila che trasporta Croce che sale verso il cielo, per mostrarci che abbiamo una vocazione cristiana per l'eternità, che portiamo il mistero della croce come mistero della vittoria sulla sofferenza attraverso la speranza e la morte attraverso la risurrezione, dai nostri inizi come popolo cristiano alla fine della storia. Pertanto, il popolo rumeno che porta la croce e la risurrezione mostra la sua dignità se non dimentica il suo battesimo, la sua connessione con Cristo il Cristo crocifisso e risorto come parte costituente della sua identità ed esistenza.

Ho visto prima di Natale e a Natale la moltitudine di bellissimi bambini che cantavano canti, come angeli, lodando il Bambino Gesù, il Dio che è diventato un Bambino, cioè l' Uomo fatto per noi persone, per scoprire il mistero del suo amore dei genitori. Dio e dacci la sua vita eterna. Ma tutte queste bellezze: di bambini che intagliano il Natale, di monasteri, di chiese, di trote, di feste sante e di tradizioni luminose, tutto ciò che è stato creato come bellezza nell'arte dell'ispirazione cristiana, nella musica, tutto ciò che è elevazione bella e spirituale nel popolo rumeno in quanto i credenti sono i frutti di San Battesimo, come suo legame di santo amore con Cristo, con tutta la Santissima Trinità e con tutti i santi che la Santa Chiesa onora.

La grande santificazione dell'acqua - rinnovamento della gioia del Battesimo e santificazione della vita e dell'attività del cristiano nel mondo.

Dobbiamo ricordare che nel giorno della festa del Battesimo del Signore, alla fine della Santa Liturgia, viene celebrata la Grande Santità dell'acqua. Quest'acqua che lo Spirito Santo santifica è acqua di benedizione, acqua di santificazione dell'anima e del corpo e della natura circostante, ma anche fonte di gioia per le persone che la ricevono con fede, pietà e amore.

La grande consacrazione dell'acqua o del Grande Aghiasma, che viene celebrata solo in occasione della festa del Battesimo del Signore, è uno dei servizi più belli dell'Ortodossia. Viene eseguita fuori dalla chiesa perché il Salvatore Gesù Cristo fu battezzato non in uno spazio limitato, ma nel fiume Giordano. Di solito, questo servizio viene eseguito vicino a un fiume o una sorgente puliti e, se non può essere lì, viene eseguito vicino alla chiesa, dove ci sono molti vasi d'acqua, preparati con grande cura e devozione per questo santo momento.

La grande santificazione dell'acqua ha molte parti e, per il suo contenuto, sottolinea innanzitutto l'amore di Dio per gli uomini, un amore mostrato nell'Incarnazione del nostro Salvatore Gesù Cristo e nel Suo Battesimo in Giordania. Pertanto, le preghiere e i canti di questo giorno fanno la connessione tra la Nascita del Signore e il Battesimo del Signore, ma anche tra il Battesimo del Salvatore e la salvezza del popolo, di coloro che per fede e gioia hanno ricevuto il Battesimo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Alla festa del Battesimo del Signore, la natura delle acque è santificata, come dice una canzone di questo servizio: "oggi la natura delle acque è santificata". Quindi, la Chiesa ci mostra questo Il Salvatore Gesù Cristo è oggi particolarmente elogiato da tutto l'Universo, da tutta la creazione. Perché? Perché è venuto per salvare le persone, ma anche per preparare un nuovo paradiso e una nuova terra. Oggi l'intera creazione è santificata come preparazione per il rinnovamento e la trasfigurazione nel nuovo cielo e nella nuova terra del regno dei cieli (vedere il libro dell'Apocalisse, cap. 3).

La bellezza e la ricchezza delle preghiere nel servizio chiamato Grande Santificazione dell'Acqua ci spinge ad essere consapevoli. Solo allora riceviamo veramente la benedizione e usiamo il gusto dell'acqua santa, quando ascoltiamo il servizio della sua santificazione per fede, con il timore di Dio e con l'amore.

Se lo riceviamo con fede e devozione, prima di tutto, Aghiasma Mare santifica le nostre anime e corpi, le nostre case e tutto lo spazio in cui operiamo. Attraverso questa santificazione della natura con acqua santa, la Chiesa ortodossa mostra che Dio deve essere confessato e lodato non solo nella chiesa, ma anche al di fuori di essa. E dobbiamo essere cristiani non solo la domenica, ma cristiani tutto il giorno, ovunque ci troviamo. L'acqua santa ci ricorda che siamo battezzati con acqua e Spirito Santo e siamo cristiani, figli di Dio-Padre dopo il suo infinito amore per suo Figlio Gesù Cristo, che è diventato Uomo, per amore delle persone e per la loro salvezza.

Il grande Aghiasma ha un sapore del cibo per otto giorni, perché ci chiama a cercare la vita eterna e la gioia nell'amore della Santissima Trinità (la figura 8 è il simbolo dell'eternità e dell'infinito).

In secondo luogo, Aghiasma Mare ci porta alla guarigione delle malattie dell'anima e del corpo. Viviamo in un'epoca in cui l'uomo è molto provato da tutti i tipi di malattie dell'anima e del corpo. Ma la più grande malattia dell'anima è il peccato, che è la mancanza di amore per Dio e per i nostri simili. In questo senso, l'acqua santificata ci guarisce, poiché moltiplica la nostra fede e il nostro amore per Dio e per i nostri simili.

In terzo luogo, Aghiasma Mare ci porta al rilascio di passioni e alla rimozione degli spiriti dei malvagi. Molto spesso, l'uomo sente che, sebbene voglia fare il bene, non ha ancora abbastanza potere per fare il bene, perché lo spirito malvagio spinge l'uomo a fare il male. Ma l'acqua santa dà all'uomo il potere di superare le tentazioni e di condurre la battaglia invisibile contro gli spiriti maligni, attraverso la preghiera, il digiuno, la confessione e la Santa Comunione.

Pertanto, lascia che il Signore Gesù Cristo ci dia la gioia di essere benedetti con l'acqua santa, noi e le nostre case, i nostri cari e tutte le nostre attività, in modo che le nostre vite possano essere luce alla luce di Cristo e gioia nella gioia ai santi, alla gloria della Santissima Trinità e alla nostra salvezza. Amen.