sabato 31 marzo 2018

La Domenica dell'Ingresso di Gesù a Gerusalemme-Le Palme -da Alexander Schmemann, in "Le Messager Orthodoxe", III-IV 1984; trad. J. K.

 Risultati immagini per Dai Discorsi di san Proclo.Oratio IX, In ramos Palmarum, 1-3.4. PG 65, 772-777


Una settimana prima di Pasqua, i credenti festeggiano la Domenica delle Palme, giorno in cui ricordano l'entrata di Gesù Cristo a Gerusalemme: entrata gloriosa e al tempo stesso piena di umiltà. Il popolo lo accoglie come un Re, con grida di gioia, agitando rami di palme, e l'Evangelo dice: "Tutta la città era commossa" (Matteo 21, 10). Ma era un Re che non disponeva di alcun potere se non quello dell'amore, non aveva da dare altro che libertà e gioia, non richiedeva che quello stesso amore, quella stessa libertà. "Ecco viene a te il tuo re pieno di dolcezza" (Matteo 21, 5). L'Evangelo cita questo testo del profeta Zaccaria, questa profezia viene letta durante l'ufficio della Domenica delle Palme. E precisamente in questo incontro fra l'umiltà e la regalità, il potere e l'amore, la gloria e la libertà, risiede il senso eterno di questo avvenimento evangelico e di questa festa che la Chiesa chiama "Entrata del Signore a Gerusalemme".
Come allora, il mondo attuale esalta il dominio, la potenza, l'onore, la concorrenza. Allora come oggi ciascuno vuol regnare sull'altro, comandare, dirigere, esercitare il proprio potere. "I re delle nazioni – dice Cristo – dominano su di esse da padroni ed esercitano il potere. Non deve essere così fra voi..." (Matteo 20, 55). Spesso, riduttivamente, si vuol vedere nella religione in generale, e nel cristianesimo in particolare, un insieme simultaneo di sete di sottomissione e di potenza. Nella religione si vede l'abbassamento dell'uomo, una sottomissione di schiavo di fronte ad un Assoluto terrificante. Dio è percepito come la proiezione umana dell'asservimento e della tirannia, di tutto ciò che avvilisce, schiavizza, opprime l'uomo. Si è costruita ed insegnata tutta una serie di teorie sulla religione e la sua origine, sul modello dello sfruttamento dell'uomo da parte dell'uomo, sui rapporti che lo legano ai detentori del potere, sul suo carattere di classe. Per questo si collega la liberazione dell'uomo ad una sua emancipazione nei confronti di questa ebbrezza religiosa, di questo "oppio" che contribuirebbe a mortificare l'uomo addormentandolo con la promessa di una ricompensa nell'aldilà, che lo priverebbe di ogni volontà di lotta, di miglioramento della propria sorte sulla terra, di liberazione da ogni sfruttamento... Ma che fare di una dottrina, di una religione, che ci presenta Dio stesso nell'aspetto di un uomo povero e umile? Quest'uomo, tuttavia, è assolutamente e integralmente libero.

Dinanzi a Dio dunque chiunque detiene un potere trema, freme e cerca di mobilitare tutte le proprie forze per distruggere, respingere, annientare il terribile insegnamento sull'amore, la libertà, la verità. Che fare di una religione che non può in alcun modo stendersi su letto di Procuste delle teorie scientifiche secondo le quali al cuore di ogni religione dovrebbe necessariamente trovarsi la paura, la sottomissione cieca, l'asservimento? Ecco che avanza verso Gerusalemme il Maestro povero, senza casa né tetto, senza un luogo ove posare il capo. Ecco che Egli manda i suoi discepoli a cercargli un umile animale, l'asinello da cavalcare, e questo è tutto il suo trionfo, questa la sua gloria! Ed ecco che viene ad incontrarlo una folla immensa mentre tutta la città risuona dei saluti tradizionalmente riservati ai re: "Osanna! Benedetto Colui che viene nel nome del Signore!". In quel momento egli non ebbe altro potere, altra regalità: inutili ed assurdi tutti gli ammennicoli del potere umano, le intimidazioni, le autoglorificazioni. Egli insegnava: "Imparate la verità e la verità vi renderà liberi".

Tutto il suo insegnamento dimostra che non esiste potere al mondo capace di spezzare interiormente e di asservire colui che conosce la verità e che in essa ha acquistato la libertà. Si può trasformare un intero paese in una prigione ed obbligare i popoli a tremare per decine di anni. Viene il momento in cui la verità trionfa ed il potere trema. Allora bisogna ancora mobilitare degli schiavi perché gridino: "Crocifiggeteli, annientateli, chiudete la bocca a questi criminali". Che fare in questo mondo ove prima o poi la parola, la poesia, il pensiero sono più forti di tutti gli "apparati", di tutti i "poteri"... È tutto questo che ci riporta la Domenica delle Palme, è questa libertà che costituisce l'essenziale di questa festa. Ci dicono che la religione svia tutti i nostri interessi verso l'aldilà... ma il Regno della libertà dell'amore e della verità si è levato sulla nostra terra. Il Cristo è entrato in una città di questo mondo, ad accoglierlo ed acclamarlo era gente di quaggiù. Egli ha insegnato che bisogna essere liberi qui ed adesso, che adesso bisogna amare, che bisogna vincere ogni paura con l'amore, che l'uomo realizza la propria eternità in questo mondo creato da Dio, colmo della bellezza di Dio, e al quale Dio ha conferito un significato. Ed ogni volta che nell'ufficio della vigilia, nella veglia della Domenica delle Palme, nel momento solenne e gioioso in cui i fedeli che riempiono la chiesa levano le palme nella luce dei ceri, nel momento in cui risuona di nuovo l'acclamazione "Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore!", in quel momento non si commemora solo ciò che è avvenuto un tempo in un paese lontano...

No! Essi sono là ora e fanno giuramento di fedeltà al solo Re e all'unico Regno, essi promettono di essere fedeli alla libertà, alla verità, all'amore che Egli ha annunciato. O, più semplicemente essi riaffermano e annunciano la libertà divina dell'uomo. Tutto il resto non esiste e non può soggiogare che nella misura in cui non si oppone a questa libertà, a questo amore, a questa verità. Sì, io mi sottometto ad ogni legge di questo mondo meno che a quella che nega questa libertà... E a chi mi dirà che è la legge del potere legittimo io risponderò che tutte le leggi e tutti i poteri sono tali solo nella misura in cui essi stessi sono sotto la legge della libertà, dell'amore, della verità.

La Domenica delle Palme è la festa della liberazione, la festa del Regno di Dio, venuto in tutta la sua forza, come annuncia l'Evangelo. Certo, noi sappiamo che dopo la luce e la gioia di questo giorno ci immergeremo nella tristezza e nelle tenebre della Grande e Santa Settimana. Il potere non perdonerà e non dimenticherà il trionfo di Cristo. Lo condannerà a morte, farà di tutto per estirpare fino all'ultima particella di questo terribile insegnamento. Quest'appello alla libertà, all'amore, alla verità è insopportabile per il potere. La Domenica delle Palme è "anticipazione della Croce" come proclama uno dei canti di questa festa. Ma noi sappiamo già che dal profondo del Venerdì Santo sulla strada del Golgota, in cammino verso la sofferenza e la crocifissione ci giungono le parole di Cristo: "Padre, l'ora è venuta: glorifica il Figlio affinché il Figlio ti glorifichi" (Giovanni 17, 1-2)[*].


da Alexander Schmemann, in "Le Messager Orthodoxe", III-IV 1984; trad. J. K.

Nessun commento:

Posta un commento